Ponte alla Carraia

Le prime notizie della costruzione risalgono al 1218: il ponte inizialmente in legno fu distrutto da una piena nel 1274. Fu ricostruito presto, ma già nel 1304 cedette di nuovo per il peso della folla che lo sovrastava per assistere a uno spettacolo sul fiume.
Dopo la disastrosa piena del 1333 fu il primo ponte a essere ricostruito, sembra seguendo un progetto di Giotto.
Danneggiato nuovamente nel 1557, fu ancora ricostruito per volere di Cosimo I che commissionò l’opera all’Ammannati che già stava lavorando al ponte Santa Trinita.
Alla fine del diciannovesimo secolo fu allargato per permettere un passaggio più agevole per carri e carrozze.
In seguito venne minato, come tutti i ponti fiorentini, nel corso della seconda guerra mondiale e fatto saltare dai nazisti in ritirata per impedire il passaggio delle truppe alleate.
Nel 1948 fu nuovamente ricostruito, così com’è visibile adesso, mantenendo la struttura dell’antico progetto a 5 arcate, dall’architetto Ettore Fagiuoli. (Fonte: Wikipedia)

Lascia un commento